Comunicati stampa

MoVE -Mobilità verso l’Europa: corsi di lingua e tirocini all’estero

Full immersion linguistiche di 2 o 4 settimane; corsi di potenziamento della lingua in alcuni ambiti professionali; tirocini all'estero da 8 fino ad un massimo di 24 settimane in Irlanda, Malta, Regno Unito, Austria o Germania. Sono le nuove opportunità del bando "MoVE -Mobilità verso l’Europa", approvato oggi dalla Giunta provinciale su proposta del presidente Ugo Rossi nell’ambito del Piano trentino Trilingue.
Sono 300 i posti disponibili per il 2018, rivolti a persone adulte dai 25 ai 55 anni. Le risorse stanziate per il biennio 2018-2019 ammontano a 1,9 milioni di euro. In questa fase sono stati definiti i requisiti di partecipazione ed i contenuti del programma. A breve saranno comunicate le date entro cui sarà possibile fare domanda di partecipazione, i posti disponibili per ciascuna iniziativa ed i periodi in cui sarà possibile andare all'estero.
Tutte le informazioni saranno disponibili sul sito: https://fse.provincia.tn.it.
LINGUE STRANIERE

MoVE - Mobilità verso l’Europa: iscrizioni per le full immersion linguistiche all’estero

Il bando "MoVE - Mobilità verso l’Europa", in corso di realizzazione durante l’anno 2019, offre 10 diverse iniziative di mobilità, per il potenziamento linguistico attraverso corsi all’estero e tirocini formativi rivolti ad adulti, residenti in Provincia di Trento, di età compresa fra i 25 e i 55 anni. A partire dal 2 settembre 2019 si apre l’ultima finestra di adesioni al progetto riferite a periodi di full immersion linguistiche di 2 o 4 settimane, da effettuarsi fra novembre e dicembre 2019, per un totale di 148 posti disponibili.
La richiesta di partecipazione può essere presentata dal 2 settembre fino alle ore 17.30 del 13 settembre 2019, secondo le modalità di adesione illustrate sul sito https://fse.provincia.tn.it.

LINGUE STRANIERE - SCUOLA

Percorsi di istruzione nei Paesi dell’Unione Europea: approvati i criteri per la concessione dei voucher

La Giunta provinciale oggi ha approvato l’Avviso rivolto agli studenti del secondo o terzo anno del secondo ciclo di istruzione che intendono frequentare un periodo annuale o parziale nei Paesi dell’Unione europea in corrispondenza dell’anno scolastico 2019/2020. L’intervento è cofinanziato dall'Unione Europea – Fondo sociale europeo, dallo Stato italiano e dalla Provincia autonoma di Trento. La spesa per la concessione dei voucher è stimata in 400.000 euro.
L’Avviso e la relativa modulistica sono scaricabili dal sito https://fse.provincia.tn.it – opportunità per le persone – Interventi nell’ambito del Piano Trentino Trilingue e dal sito www.modulistica.provincia.tn.it. La domanda deve essere presentata dalle ore 9.00 di giovedì 7 febbraio 2019 fino alle ore 15.30 di giovedì 7 marzo 2019.
LINGUE STRANIERE - SCUOLA

Più formazione per il lavoro: 3.500.000,00 euro per le competenze-chiave

La formazione è una delle pietre angolari delle moderne politiche del lavoro. Anche il Trentino continua ad investire in questa direzione, coerentemente con gli programmi europei. E' di oggi l'approvazione di una nuova delibera, proposta dal vicepresidente e assessore allo sviluppo economico e lavoro Alessandro Olivi, con cui viene approvato l'Avviso per la presentazione di proposte progettuali riguardanti interventi formativi per il potenziamento delle competenze-chiave, cofinanziate dal Fondo sociale europeo (Programma Operativo 2014 -2020). e di cui al vigente “Documento degli Interventi di Politica del Lavoro – 3.A.b) Formazione per migliorare l’occupabilità”. Le risorse disponibili sono pari complessivamente a euro 3.500.000,00, di cui euro 1.750.000,00 a carico del sociale europeo, pari al 50% del totale. L'obiettivo è favorire l’inserimento lavorativo e l’occupazione dei disoccupati di lunga durata e dei soggetti con maggiore difficoltà di inserimento lavorativo, nonché il sostegno delle persone a rischio di disoccupazione di lunga durata. "Continuiamo ad insistere sulle politiche attive per i lavoratori disoccupati - spiega Olivi - progettando percorsi personalizzati sulle competenze che realmente servono. per migliorare la loro occupabilità".

ATTUALITÀ E CRONACA

Programmi operativi del Fondo sociale europeo e del Fondo europeo di sviluppo regionale: approvati i sistemi di gestione e controllo

Oggi, con l’approvazione da parte della Giunta provinciale – su proposta del vice presidente Alessandro Olivi - delle descrizioni dei Sistemi di gestione e controllo dei Programmi operativi del Fondo sociale europeo (FSE) e del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) 2014-2020 della Provincia autonoma di Trento, si è concluso il processo di definizione del sistema di “governance” dei due Programmi cofinanziati dai fondi strutturali. Si tratta infatti dell’ultimo tassello di una serie di passaggi formali previsti dai regolamenti europei, necessari per dare piena operatività all’attuazione di tali Programmi e per consentire alla Provincia di ricevere le risorse finanziarie europee e statali previste.
ATTUALITÀ E CRONACA

Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione: aperte le adesioni a cinque progetti formativi professionalizzanti

Sono aperte le iscrizioni a 5 percorsi professionalizzanti nel campo dell’informazione e della comunicazione rivolti alla popolazione adulta tra i 25 e i 64 anni. I progetti, finanziati nell’ambito del Programma operativo Fondo sociale europeo 2014-2020 della Provincia autonoma di Trento, appartengono alle azioni per la cittadinanza previste dal Piano Trentino Trilingue. Le proposte formative spaziano dal marketing digitale all’analisi dati fino alla creazione e gestione di prodotti per il web. I corsi si pongono l’obiettivo di incentivare la formazione di professionalità particolarmente ricercate dal mondo produttivo e di creare nuove possibilità di collocazione nel mercato del lavoro. Modalità di iscrizione e termini di scadenza delle iscrizioni sono reperibili agli indirizzi: www.fse.provincia.tn.it e www.vivoscuola.it/progetti-tic

ATTUALITÀ E CRONACA - SCUOLA

Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione: nuovo avviso per la presentazione di progetti

Nuova proposta nell’ambito dell’implementazione del Piano trentino Trilingue: la Giunta ha approvato oggi, un avviso per la presentazione, da parte di enti di formazione, di progetti volti alla crescita delle competenze della popolazione adulta nel campo delle Tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonché delle competenze linguistiche. I progetti finanziati saranno 9 e saranno destinati a formare circa 100 persone adulte dai 25 ai 64 anni. Il totale delle risorse disponibili per il finanziamento è pari a euro 1.430.000,00.

ATTUALITÀ E CRONACA - LINGUE STRANIERE

Terzo Settore: due proposte formative per il rafforzamento dell'economia sociale

Approvato oggi dalla Giunta provinciale l'Avviso per la presentazione di proposte formative indirizzate a rafforzare l'economia sociale, nell'ambito del Programma operativo Fse.
Due i percorsi formativi che verranno finanziati, uno di base e uno progredito, rivolti agli operatori che svolgono la loro attività presso organizzazioni del Terzo Settore, per sviluppare competenze tecnico-professionali, relazionali e comunicative, nonché socio-culturali; possono partecipare anche coloro che intendono sviluppare le proprie competenze al fine di poter lavorare nell'ambito del Terzo Settore.
Le risorse individuate dall'esecutivo, a cofinanziamento Fse 2014-2020, sono pari a 286.000 euro.
ATTUALITÀ E CRONACA

Tirocini internazionali per studenti: nuovo avviso per la presentazione di progetti da parte delle istituzioni scolastiche e formative

Nuova proposta nell’ambito del Piano trentino Trilingue: la Giunta ha approvato oggi, un avviso per la presentazione di progetti formativi finalizzati alla realizzazione da parte degli studenti trentini di momenti di alternanza scuola – lavoro all’estero. Possono partecipare all’avviso le istituzioni scolastiche e formative del secondo ciclo della provincia di Trento. I progetti saranno destinati a formare circa 200 studenti ed il totale delle risorse disponibili è pari ad euro 950.000.
LINGUE STRANIERE - SCUOLA

Una strategia di sviluppo per l'"area interna" del Tesino

Un collegamento ciclopedonale tra i comuni di Castello Tesino, Cinte Tesino e Pieve Tesino, un servizio di telemedicina per l'assistenza a distanza della popolazione anziana, molto numerosa in Tesino; laboratori linguistici per il trilinguismo e per l'apprendimento delle conoscenze digitali rivolto ai giovani ma anche ai cittadini in coordinamento con la Fondazione De Gasperi, ma anche una serie di progetti di sviluppo relativi all'agricoltura e al turismo: sono questi alcuni dei principali interventi contenuti nella "Strategia dell'area pilota Tesino" della Provincia di Trento nell'ambito della Strategia nazionale "Aree interne", approvata stamane dalla Giunta provinciale su proposta dell'assessore alla coesione territoriale Carlo Daldoss. Si tratta di un progetto pilota che ha consentito di costruire insieme alla popolazione, le imprese e le istituzioni del Tesino, in primis i tre Comuni di Castello, Cinte e Pieve, una strategia finalizzata ad invertire il trend di spopolamento dell’area, immaginando insieme anche alla Provincia e allo Stato, interventi e attività per uno sviluppo economico e sociale di reale impatto. Nell’area del Tesino potranno essere spese complessivamente 7,4 milioni di euro egualmente suddivisi tra Stato e Provincia, ove la parte Provincia sarà riferita alle risorse disponibili su tre fondi europei: il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), il Fondo Sociale Europeo (FSE) e il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR). "Si tratta - sottolinea l’assessore Daldoss - del primo formale passo che sancisce la collaborazione tra Stato, Provincia e Amministrazioni comunali per lo sviluppo economico del Tesino in grado di promuoverne l’attrattività in un ottica di sostenibilità. Sotto questo profilo l’approvazione da parte dei Consigli comunali di Cinte, Pieve e Castello Tesino della strategia nella serata di ieri, sancisce una comunione di intenti che parte dal basso, e come tale si auspica abbia la più alta probabilità di successo. Il lavoro di concerto tra Provincia e Stato (Dipartimento per la Coesione Territoriale) che ha accompagnato la definizione della strategia, va inteso poi quale certificazione di qualità di un percorso innovativo e di reciproca responsabilità per tutti gli attori coinvolti."
ATTUALITÀ E CRONACA